200907_water_sound5

Cimatica

Lo studio dell’interazione tra suono e materia ebbe il suo principale esponente in Hans Jenny.
Nel 1967 questo fisico svizzero diede vita ad una nuova scienza la cimatica ossia lo studio delle forme d’onda.
Il nome cimatica deriva dal greco chima cioè onda.
Essa dimostra in modo sensazionale il rapporto tra frequenza e forma, rapporto che sta alla base di tutto ciò che esiste.

La fisica dei quanti ha reso possibile la comprensione che qualsiasi forma sia essa minerale, vegetale o animale , è il risultato di legami energetici, i quali assumono una determinata forma in quanto ordinati armonicamente in base alla frequenza dell’energia di base , sia essa sonora, luminosa o di qualsiasi altro genere.
E’ noto in ambiente scientifico che qualsiasi materiale, sottoposto ad una vibrazione specifica assume una sua peculiare forma relativa alla frequenza a cui è stato sottoposto dunque che la forma è il risultato della frequenza d’onda che la genera.
Uno degli esperimenti di Hans Jenny consiste nello stendere una polvere sottile di licopodio su una lastra metallica. Su questa lastra viene proiettata una vibrazione sonora , le particelle di licopodio si assemblano originando una forma corrispondente alla frequenza sonora.
Questi mezzi , come sono state chiamate le sostanze sottoposte a esperimenti di vibrazione, generarono forme tridimensionali complesse.
Nel caso di liquidi si osserva che, a frequenze basse la molecola d’acqua inizia a incresparsi e a vibrare formando semplici cerchi o più cerchi concentrici.
Man mano che la frequenza della vibrazione infrasonica aumenta, la molecola d’acqua reagisce incrementando la sua complessità generando magnifiche forme tridimensionali.
Questo fenomeno è analogo a quanto successo nei cerchi nel grano dagli anni settanta ad oggi, in cui le formazioni passarono da semplici cerchi a figure ricche di valori matematici e geometrici, tipici della geometria pitagorica o geometria sacra.
Quello che stupì maggiormente Jenny fu il rilevare che quando il suono imposto era una vocalizzazione dell’antico sanscrito come l’OM,conosciuto da millenni come “il suono della creazione” ( corrispondente al verbo della Bibbia occidentale), la polvere di licopodio rispondeva generando un simbolo che le antiche popolazioni attribuivano al mantra Om, all’universo e al logos solare, cioè un cerchio con un punto centrale. Ricordiamo ciò che enunciò il greco Pitagora “La geometria delle forme è musica solidificata”.

Fonti: www.uniurb.it