butterfly-girl

Rebirthing per pazienti oncologici e familiari

Esiste un modo di respirare che è inibito e restrittivo.
Ma ne esiste un altro: un respiro d’amore che ti conduce fino all’infinito.
(Jalāl al-Dīn Rūmī)

Quando una persona viene colpita da un tumore, la sua famiglia e la sua rete sociale più vicina vengono coinvolti in un percorso intenso e complesso in termini di risorse emotive, energie personali, dinamiche relazionali, tempo, etc.
La pratica del Rebirthing è finalizzata a supportare tutti coloro i quali sono coinvolti in questo difficile percorso con un intervento finalizzato a migliorare la qualità di vita e il quadro psicosomatico fornendo strumenti pratici ed efficaci dal momento della diagnosi fino alla fine delle terapie ed alla nuova fase di vita che segue.
Particolare attenzione viene dedicata non solo al paziente ma anche al famigliare/amico che si assume la principale responsabilità nell’assistenza al malato (tecnicamente definito care-giver).